Il Cirmolo

Il Cirmolo, riferimento negli anni ‘80 per gli amanti dell’antiquariato e dei mobili rustici, cambia sede nei primi anni duemila e si trasferisce dallo storico quartiere di Sant’Ambrogio al più bohemienne quartiere di Brera. Nella nuova location, il Cirmolo si specializza in oggettistica vintage e di modernariato diventando una realtà unica per collezionisti e appassionati.

Il Cirmolo, nella sua attuale veste è frutto della passione e della ricerca di Matteo Giannelli, che seleziona personalmente ogni pezzo presente in negozio: dai mobili industriali e di design, alle insegne smaltate della metà del '900, alle lettere e insegne luminose della seconda metà del XX secolo, ai pupazzi in gomma della ledraplastic e della rubbertoys degli anni '60 e '70, fino ad arrivare alla bijotteria americana anni ‘50 e ‘60 di Trifari  Lisner e Coro. Tra i pezzi unici che richiamano la tradizione di famiglia i candelieri in old sheffield inglese fine 700 inizio 800,e le terraglie stampate bianche e blue inglesi del XIX secolo, insieme a una vasta collezione di teiere di tutti i tipi. 

Infine potrete trovare tante piccole e grandi statue, in resina o vetroresina, di personaggi della Walt Disney e della Warner Bros, prodotte oggi e negli ultimi 30 anni.

il cirmolo antiquariato
il cirmolo antiquariato

Il Cirmolo
Via Fiori Chiari 3 - 20121 Milano
tel. +39 02 8052885
e-mail: matteo@ilcirmolo.it

ORARIO DI APERTURA

Siamo chiusi per Ferie

Apertura dal 5 al 9 Agosto

Orario 15.00 -19.00

Riapertura lunedì 26 Agosto

info : matteo@ilcirmolo.it

SEGUICI SU INSTAGRAM

CONTATTACI

newsletter

DICONO DI NOI

The Chick Fish

IL CIRMOLO

Un luogo dove esploriamo la relazione tra vintage, design ed estetica.
Un luogo il cui principale scopo è quello di scovare tesori nascosti e condividerli con i propri lettori.

flawless milano

IL CIRMOLO – ANTIQUARIATO

Tra insegne anni '50/'60 e segnali stradali vintage potrete fare un safari nel bello di una volta.

Quando mi fermo a pensare alla vita realizzo che è solo questione di tempo. Quando vado oltre al tempo penso sia in realtà anche una questione di “dare la precedenza”.